Scala, carteggio,carta e bussola - il mio Savage

Vai ai contenuti

Menu principale:

Scala, carteggio,carta e bussola

Campo pratica > Cartografia e Gps > Come e cosa
La carta

Il GPS è uno strumento fantastico, ma la carta rimane sempre lo strumento principale essendo una rappresentazione grafica e simbolica del territorio del quale vengono rispettate le proporzioni. Leggere una carta correttamente vuol dire conoscerne la simbologia che può cambiare a seconda del tipo utilizzata.
Bisogna conoscere la scala con cui è disegnata la carta, cioè il rapporto tra le misure reali e quelle della rappresentazione cartografica. Conoscendo la scala, con una semplice operazione di misura sulla carta, si può ottenere la distanza sul terreno.
La scala è indicata in tutte le carte con una frazione. La prima cifra è sempre uguale a uno. Il numero seguente rappresenta quante volte la distanza reale è stata ridotta nella carta.
Una scala 1: 4.000.000, significa che ciascuna distanza sul terreno è stata ridotta di 4.000.000 di volte sulla carta. Allora, 4 km reali corrispondono ad un millimetro dato che 4 diviso 4.000.000 è uguale a 0,000001 km (1 mm). Di conseguenza 1 centimetro corrisponde a 40 km. .




Carta ICAO
Carteggio

Per orientare un carta si dispone la bussola parallelamente ad un meridiano e si ruota carta e bussola insieme fino a che la parte rossa dell'ago va a coprire il Nord. In questo modo e da questo momento siamo in grado di scegliere il percorso migliore. Non è detto che sia il più breve.
Però possiamo orientarci
Conoscendo il punto di partenza o un punto noto da cui si tracciano i segmenti di rotta e poi riducendo le distanze chilometriche percorse nella misura della scala relativa alla cartina che si sta utilizzando siamo in grado di riportare gli spostamenti segnando le distanze e le direzioni.
La direzione verso cui sono tracciati questi segmenti è quella rilevata dalla bussola e riportata sulla carta utilizzando il goniometro.
Il goniometro deve essere allineato con la linea 0°-180° (parallela al meridiano più vicino che indica il nord) ed il suo foro deve essere centrato sul punto di partenza o sui punti noti che verranno rilevati successivamente.




14/04/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu