Maggio Trasferimento da Trento - il mio Savage

Vai ai contenuti

Menu principale:

Maggio Trasferimento da Trento

Diario di bordo > 2010
Porto il Cub a casa - verso gli Appennini

Trento, fortissimamente Trento !
D'accordo con la Zlin il mio Cub me lo vado a prendere a Trento.
Le meteo non aiutano, ma appena si apre uno spiraglio di bel tempo prendo il treno e vado. E' venerdì 21. Marco Fozzer, disponibilissimo e gentilissimo, mi aspetta per una brevissima ripresa voli alla fine del turno di lezioni.
Fa abbastanza caldo a Trento. Arrivo in stazione e prendo un taxi per l'aeroporto. Ho preso una stanza presso l' Aerohotel adiacente l'aeroporto in modo di non complicarmi troppo la vita. Poso la borsa e in un attimo sono a bordo pista. Marco ne ha ancora per una trentina di minuti, giusto il tempo per ricontrollare il fido Cub e fare quattro chiacchere con Luca Perazzolli che sta finendo di costruire uno strepitoso RV8 .
Arriva Marco, il momento è arrivato. Salgo per la prima volta ai comandi del mio Cub, anzi mi arrampico !
Rullo sul piazzale ed entro sulla pista erbosa dell'aeroporto. Decollo per la 36 e ho la sensazione che un anno di attività non mi abbia arrugginito affatto. Chiamiamo la torre in sottovento sinistro ed andiamo all'atterraggio. Tutto qua !

Porto il Cub a casa - verso gli Appennini

Si proprio così ! Ricordo proprio tutto ed il Cub con le sue lunghe leve ed i ruotoni anabolizzati mi aiutano a posarmi soffice sul terreno. Scendo contento e mettendomi davanti al cofano provo a guardarlo dritto nelle pale dell'elica. E' inesorabilmente più alto ed incute un po' di soggezione a me che sono un piccoletto. Ma "domani si va a casa" bisbiglio all'altezza della presa d'aria del radiatore dell'olio.
Faccio il pieno di benzina e lo rparcheggio in un hangar che definire bellissimo non è abbastanza. Quasi mi dispiace doverlo portar via da lì ! La rotta è cosa fatta da giorni ed è abbastanza semplice, grazie anche ai consigli di Roberta e Gianni che lì a Trento hanno il loro Savage.  Spero solo che il tempo regga.
La mattina di sabato 22 sono accontentato in tutto e per tutto. Decollo con un clima ideale in una cornice da sogno. Seguo la valle dell' Adige in pura contemplazione di una natura potente e maestosa. Quando le montagne che mi circondano e mi accompagnano fino quasi a Verona si abbassano per far largo ad una pianura piena di sole, provo una sensazione di leggerezza, anche se con le bush da 29 " ed pensare di sfruttare le anse sull'Adige mi hanno fatto stare relativamente tranquillo.

Porto il Cub a casa - da Serristori

Ho tutt'altra autonomia con i nuovi serbatoi, ma atterro anche per sgranchirmi . Pista in erba molto fangosa, nessun problema. Rimango il tempo necessario di rifornirmi un po' di benzina e riparto quasi subito, perchè temo che il tempo possa cambiare. Lungo la rotta verso sud sono smentito a colpi di sole e cielo sereno. Arrivo al mio campo giusto in tempo per l'ora di pranzo. Chi sa cosa ho passato negli ultimi tempi, sarà d'accordo con me che la terapia Cub ha funzionato alla grande.

01/11/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu