La posizione, meridiane, paralleli e reticolo geografico - il mio Savage

Vai ai contenuti

Menu principale:

La posizione, meridiane, paralleli e reticolo geografico

Campo pratica > Cartografia e Gps > Nozioni generali
La posizione

Osservando la posizione del Sole, della Stelle Polare, conoscendo i punti cardinali e anche sapendo usare una bussola comunque non siamo in grado di indicare con precisione la posizione di una località.




Per questo motivo è' stato ideato un sistema di linee immaginarie che consentono di localizzare in maniera assoluta un punto sulla superficie terrestre. Queste linee immaginarie sono i Meridiani e i Paralleli



Equatore e Greenwich

I Meridiani sono circoli massimi passanti tutti per i Poli e sono in numero infinito. Di solito  ne contiamo geograficamente 180 . Tra essi i più importanti sono il meridiano di Greenwich o meridiano fondamentale (0) e l'antimeridiano (180°) che coincide in larga parte con la linea immaginaria che viene utilizzata per definire il cambiamento di data.
I Paralleli sono cerchi paralleli ad un unico cerchio massimo che è l'Equatore. Sono in tutto 180 dei quali 89 sono a nord e gli altri 89 sono a sud. I novantesimi in pratica si identificano con i poli.
Il parallelo fondamentale è l'Equatore che divide la Terra in due emisferi: boreale o nord e australe o sud.
L'insieme dei Meridiani e dei Paralleli costituisce il reticolato geografico, quel sistema di linee immaginarie di cui parlavamo prima, che permette di individuare qualsiasi punto sulla superficie terrestre.



Meridiani
Paralleli
Le misure del reticolato geografico

Questo reticolo così composto è misurato attraverso Longitudine e Latitudine.
La Longitudine è la distanza tra il punto scelto ed il meridiano fondamentale (Greenwich). Infatti si parla di longitudine est e longitudine ovest rispetto al meridiano fondamentale.
La Latitudine è la distanza tra il punto scelto e l'Equatore. La latitudine nord e la latitudine sud viene quindi sempre riferita all'Equatore
Fondamentalmente sia Latitudine che Longitudine sono angoli, e vengono misurati in gradi minuti e secondi d'arco.
Ogni grado è diviso in 60' (primi o minuti). Il primo (o l'equivalente minuto), nel sistema sessagesimale, è diviso in 60” (secondi). Spesso troveremo che il secondo viene espresso in millesimi (diviso mille volte) o in centesimi (diviso cento volte) invece che in secondi.
Un grado di latitudine corrisponde sulla superficie terrestre a circa 110 km., un minuto d'arco meridiano equivale a circa 30m.
Un grado di latitudine contato lungo l'equatore è lungo circa 110 km, come grado di latitudine. E' ovvio che la lunghezza di un arco di longitudine dipende dalla latitudine.



Distanza e Azimuth (Range/Bearing)

Con questo sistema di linee a reticolo, latitudine e longitudine, otteniamo un risultato importante poiché questi elementi sono spalmati su tutta la superficie terrestre.
Normalmente quando si pianifica un escursione si prende in considerazione la distanza angolare rispetto alla direzione del nord, quello che è chiamato azimut, e la distanza dal punto di destinazione, quello che viene chiamato bearing angle. Questo sistema chiamato di coordinate topocentriche è tangente allo sferoide terrestre dove il punto di tangenza è definito dalla nostra posizione e varia con il nostro spostamento.
I due sistemi, coordinate latitudine, longitudine, topocentriche, azimut e distanza di destinazione hanno dunque delle caratteristiche del tutto particolari. Il primo sistema offre coordinate definite per una superficie curva mentre le altre servono a dare una posizione per un impiego pratico. Ma la cosa importantissima è che con latitudine e longitudine esattamente definite possiamo procedere alla stesura di una carta.
In una carta dove siano rappresentate latitudine e longitudine avremo il territorio suddiviso in una sorta di quadrettatura regolare che ci aiuterà a convertire facilmente i punti evidenziati con latitudine e longitudine in distanza ed  azimut e viceversa.




14/04/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu