Giugno Ozzano - il mio Savage

Vai ai contenuti

Menu principale:

Giugno Ozzano

Diario di bordo > 2010
Via vai sugli Appennini

"Ozzano ?"
Una settimana prima l'ho portato giù da Trento approfittando delle meteo favorevoli e adesso di nuovo a sbirciare tra le previsioni per il fine settimana per andare in tranquillità a Cielo e Volo. E' l'occasione anche di accompagnare Umberto che trasferisce il suo KitFox al Nord e non ha mai passato gli Appennini. Anche questa volta sembra che le meteo mi grazino. Si parte la mattina presto e si arriva ad Ozzano in un circuito affollatissimo. Si atterra con un bel  vento traverso. Il parcheggio è a dir poco dissestato, ma con le bush da 29 che problema c'è ?
Rintraccio Marcello, che mi darà supporto allo stand riservato alla Zlin e quindi porto il mio fido giallo accanto al suo Cub bianco.
Saranno due giorni intensi. Un via vai di curiosi ed appassionati si affolleranno nella piazzola con domande di tutti i tipi.
I due cub sono imponenti e nei momenti più caldi offriranno un buon riparo dai raggi del sole.
Ozzano che conosco io è così: calda e affollata di piloti e aereoplani, con ricchissimi stand espositori ricavati negli enormi hangar. Ci si trova proprio di tutto e ci si rivede proprio con tutti. Sotto il sole si fa la fila al distributore di benzina e all'ombra dei tendoni ci si siede per affolllare i tavoli riservati per le consumazioni. E' comunque un via vai continuo in mezzo ad un ricchissimo panorama aviatorio.
Per la prima volta ho visto dal vivo il bimotore della Tecnam, il Millemnnium e il bellissimo F30.
Si è visto spesso in volo il Sinus che definirei spettacolare.

Allo stand Zlin
Cielo e volo 2010
01/11/2017
Torna ai contenuti | Torna al menu